Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
Foto di gruppo all'uscita del gruppo

La storia dell'estrazione di Todtnau

88 Aggiungi ai preferiti Rimuovi dai preferiti

contenuti:

di Benno Dörflinger

La città di Todtnau, sede della prima Giornata dei minatori del Baden-Württemberg, si trova nell'alta Wiesental, ai piedi del Feldberg, la montagna più alta della Foresta Nera con i suoi 1493 m. La popolazione dell'intera comunità è di circa 5.000 persone. Oltre al commercio, all'artigianato e al commercio, di grande importanza economica è l'industria tessile e delle spazzole. Due fabbriche di macchinari consegnano i loro prodotti in tutto il mondo.

Il Todtnauer Ferienland offre le condizioni ideali per il turismo, sia in estate che in inverno. Tutti i servizi sono a disposizione per offrire agli ospiti una vacanza rilassante. Come culla dello sci tedesco e sede dei campionati di sci tedeschi e internazionali (Coppa del mondo alpino), Todtnau è ben nota nei circoli degli sport invernali.

 

Gli inizi del mining

La Foresta Nera era già conosciuta come montagne ricche di minerali nei tempi antichi. a Badenweiler L'estrazione mineraria romana può già essere dimostrata. L'estrazione delle vene di minerale d'argento nel Wiesentai superiore sembra essere iniziata su scala più ampia intorno all'anno 1150. Già nel 1288 gli ora prosperi cittadini di Todtnau ricevettero il diritto di costruire una chiesa parrocchiale e un cimitero dal monastero di St. Blasien dietro pagamento di 100 marchi d'argento, che sono circa 24 chilogrammi in base al peso odierno. Il sigillo di Todtnau, noto dal 1341, mostra un minatore con mazza, ferro e lampada ed è uno dei più antichi stemmi della città tedesca con una raffigurazione mineraria.

A quel tempo, l'estrazione mineraria era svolta dai cosiddetti "schiavi" con i loro soci, paragonabile all'odierna attività artigianale con maestri artigiani, operai e altri assistenti.

Quelli della sovranità, i Conti di Friburgo, i campi minerari premiati furono chiamati “Froneberge. I diritti e gli obblighi del feudatario e dei suoi soci erano descritti con precisione in ogni atto di aggiudicazione. Nelle miniere la costruzione era obbligatoria, il che significa che se i lavori rimanevano inattivi per più di 6 settimane e 3 giorni, un altro richiedente poteva reclamarli. La scadenza era solitamente il 10. Secchio di minerale”. In cambio, il sovrano prometteva agli schiavisti di garantire sentieri, acqua e legname e di proteggerli dalla violenza e dall'ingiustizia.

Le seguenti miniere erano in funzione nel distretto di Todtnau tra il 1285 e il 1355:

  • ze il vecchio fronte
  • zem vecchio Tottenstein
  • allo Schindelhalde
  • dello Schulerfron
  • Cueniginsfront
  • Parte anteriore del coniglio
  • Anrosfron
  • Kolersfron
  • zer brook
  • zem Gauch Rechhaberslehn
  • mostra gli otto Claftern Rothwiese Brandbach
  • il terzo fron

 

Dopo che i Conti di Friburgo avevano già perso la loro città e i territori circostanti nel 1368, dovettero rinunciare ai loro diritti minerari nel distretto di Todtnau intorno al 1400. Il suo successore fu la Casa d'Asburgo.

Dal primo

Accanto a Todtnau c'era anche Schönau un importante mercato dove si vendevano argento, piombo e levigatezza. È qui che le zecche della Breisgau e della Svizzera settentrionale hanno ottenuto la loro moneta d'argento. Sotto il duca Albrecht 111, una zecca separata fu fondata a Todtnau nel 1387. Come parte del Rappenmünzbund, a cui erano affiliati 74 città e feudi, qui furono coniate le cosiddette “bracteates”, che sono monete d'argento coniate su un lato. La più nota di queste monete mostra il carattere "To" per Todtnau e l'austriaco "Bundenschild" accanto ad esso. 

Nel 1387 Todtnau ottenne il diritto di battere le proprie monete. Il penny nella foto sopra, un cosiddetto. Bracteate, mostra le lettere A per Todtnau come immagine di una moneta, accanto ad essa lo scudo austriaco.

(Collezione Dörflinger)

La miniera più importante del XV e XVI secolo nel Todtnauer Revier era la Grube zum Gauch. Oltre ai cittadini di Todtnau, Friburgo e Basilea possedeva l'abate di SI. Blasien e anche il vescovo di Bressanone, in Alto Adige, condivide questa miniera. L'imperatore Massimiliano I, che fu un grande mecenate delle miniere, emanò i propri regolamenti per questa fossa. Nel 1 i mestieri Gauch donarono una magnifica vetrata per il Cattedrale di Friburgo.

Una notevole caratteristica tecnica della miniera di Gauch era una ruota idraulica, che veniva rifornita d'acqua da due lunghi canali costruiti artificialmente. Con l'aiuto di questa ruota, il minerale veniva estratto dal pozzo più profondo. L'odierno quartiere Todtnauberg di Radschert porta ancora nel nome l'antica parola "Radschacht".

Per poter estrarre il minerale a una profondità ancora maggiore, è stato costruito un tunnel ereditario lungo 1 km sotto Aftersteg. Clewi Wölfle fu incaricata nel 6 di misurare questo tunnel. Questa è la prima menzione di un Markscheider nella Foresta Nera. Dal 1464, la città di Todtnau attinge parte della sua acqua potabile da questa ex miniera d'argento. Altre importanti miniere si trovavano a Brandenberg, sul Silberberg, a Fahl e sul Rotenbach vicino alla vetta del Feldberg.

Crisi mineraria intorno al 1580

Con la scoperta dell'America, che forniva argento a buon mercato all'Europa, e il progressivo esaurimento dei giacimenti nella Foresta Nera meridionale, negli anni successivi al 1580 si verificò una grave crisi mineraria. Molti minatori sono diventati disoccupati e si sono trasferiti in altre aree. L'ufficio del giudice della montagna Todtnau, che esisteva dal 1300, è stato sciolto.

I minatori rimasti hanno cercato di guadagnarsi da vivere con altri lavori. Passarono alla produzione di utensili in legno come scatole, cassetti, assicelle, rastrelli e cucchiai.

A causa dei devastanti incendi del 1553 e del 1689 Todtnau perse il suo carattere urbano e affondò in un insignificante villaggio.

Nuovo inizio dopo il 1720

I rinnovati tentativi di estrazione di piombo e argento negli anni successivi al 1720 si conclusero con perdite per le persone coinvolte. Solo quando Caspar Berger vendette la sua miniera "Maus", che aveva aperto nel 1755, al barone von Beroldingen, l'estrazione mineraria tornò ad essere più regolare e di successo. Per poter lavorare e fondere i minerali estratti, v. Beroldingen negli anni successivi prima un impianto di stampaggio e lavaggio e poi un impianto di fusione con annesso forno forzante. Consegnò l'argento da lui prodotto alla zecca di Günzburg sul Danubio, dove furono coniati anche i famosi talleri di Maria Teresa.

Nel 1776 i fratelli Iselin di Basilea acquistarono la fossa "Maus" con tutti gli edifici a cielo aperto. Gestirono l'impianto con vari gradi di successo fino a quando l'attività mineraria nel Mauswald si fermò a causa delle guerre napoleoniche.

Vicino al Capanna Todtnauer, sotto la vetta del Feldberg si trova la miniera Rotenbach, importante già nel Medioevo. È stata fondata nel 1761 con il sostegno del giudice minerario di Friburgo v. Mohr fu esaminato da alcuni minatori e presto messo in funzione. Il rame e il piombo estratti venivano trasportati a Hofsgrund, poiché sul Rotenbach non c'erano fonderie.

Nella parte superiore del campo minato, a un'altitudine di oltre 1300 m, si trovava il sistema di tunnel e pozzi più alto della Foresta Nera. Quindi diventa comprensibile quando un rapporto a Vienna si lamenta: "A causa dell'inverno, le miniere d'argento e di rame devono rimanere inutilizzate per oltre sei mesi".

Dopo una breve interruzione delle operazioni, dopo il 1794 fu fatto un nuovo tentativo di riprendere l'attività mineraria sul Rotenbach su scala più ampia. La Corte Imperiale e Reale approvò la costruzione di un mulino per timbri con sette timbri, un impianto di lavaggio del minerale e una spaziosa miniera. Quando nel 1803 la Wiesental superiore fu ceduta al duca di Modena, gli impianti sul Rotenbach furono iscritti nel giornale di bordo come “perfettamente funzionanti”.

Un sindacato, composto principalmente da cittadini svizzeri, costituito nei campi minerari "St. MariaAnna" a Fahl, nel "Water Hole" e sul "Silberberg". Il giudice minerario di Friburgo H. von Carato ha dato un grande contributo alla costituzione di questa società. Ha anche elaborato proposte per il funzionamento dei box. Il suo piano era di scavare sia il tunnel Maria Anna che il tunnel della pozza d'acqua a sud per raggiungere il Silberberggang. Particolarmente impressionante è stato il v. Carato che con il tunnel della pozza d'acqua il Silberberggang potrebbe essere scavalcato di quasi 1784 m, "un Saigerhöhe davvero raro", come ha rispettosamente osservato in un rapporto. L'azienda non è stata in grado di raggiungere il suo obiettivo di estrarre l'argento perché ha dovuto interrompere le operazioni a causa degli eventi della guerra.

Nell'Ottocento c'erano attività minerarie nell'alta Wiesental, che nel frattempo era stata staccata dall'Austria e assegnata al margraviato di Baden. Così nella fossa "Maus" a Todtnau, "Bernhard" a Geschwend, "Ludwig" ad Aitern e "Stephanie" a Schönenberg. Ma in tutte le fabbriche il lavoro doveva essere interrotto dopo pochi anni. L'attività mineraria si fermò finalmente intorno al 19.

Periodo di fluorite 1914-1974

Un nuovo capitolo nella storia mineraria di Todtnau fu aperto negli anni successivi al 1914. Tuttavia, gli oggetti dell'estrazione non erano più i minerali di piombo e argento, ma la ganga minerale fluorescente, che i minatori del Medioevo e del XVIII secolo gettavano nella discarica come inutili. Nel frattempo era stata riconosciuta l'importanza della fluorite come flusso nell'industria siderurgica. Altre aree di applicazione erano la chimica e l'industria del vetro. A causa della crescente domanda, diverse società nel Todtnau / Fahl e Utzenfeld / Wieden Ottieni diritti di prospezione e mining. Così la Badische Flußspatgesellschaft a Todtnau e la Wiesentäler Bergbau AG a Wieden.

Dal 1924 l'imprenditore minerario Theodor Burger di Norimberga costruiva sul lato meridionale del Finstergrundgang nei tunnel "Max I" e "Max 11". Ha fondato il sindacato nel 1930 terra scura. Tuttavia, solo sei anni dopo vendette il suo stabilimento alla società Montan-Industrie di Monaco. Questa società era rappresentata da Garl Wölfel, che qualche tempo dopo assunse la maggioranza del sindacato Finstergrund.

Su consiglio di Theodor Burger, Garl Fischer è stato assunto come direttore delle operazioni. Fischer era un eccellente specialista in spatola e nei decenni successivi ha svolto un lavoro pionieristico nello sviluppo e nello smantellamento dei depositi nell'alta valle dei prati.

Nel 1936/37 il sindacato Finstergrund rilevò tutti i giacimenti minerari di Todtnau, Brandenberg e Fahl. Prima e durante la seconda guerra mondiale, tuttavia, l'attività mineraria avveniva solo a Utzenfeld, Wieden e Aitern. Solo negli anni successivi al 1950 entrarono in funzione gli stabilimenti Rotwiese a Brandenberg, Tiefkännel a Fahl e Baumhalde e Tholusbrunnen sul Silberberg.

La miniera Rotwiese a Brandenberg ha raggiunto la massima importanza economica. Dopo la costruzione di un passaggio trasversale lungo 75 m, la vena minerale è stata incontrata ed estratta a nord ea sud per circa 300 m. L'estrazione mineraria fino al livello di 80 m era possibile attraverso due pozzi. Come riportato da H. Schürenberg (1957), in alcuni luoghi sono stati rinvenuti lavori in ferro e martello, nonché tracce di incendi del periodo medievale di funzionamento. Oggi la fossa è sott'acqua dal livello di 22 m in giù.

Fino al 1965, il sindacato Finstergrund nel RevierWieden lTodtnau disponeva di 14687 m di gallerie, 440 m di pozzi e matrici e 635 m di ponte alto. Dal 1936 al 1964, la produzione è stata di 712.000 tonnellate di minerale grezzo con un contenuto medio di GaF2 del 56%.

Nel 1969, Garl Wölfel ha venduto il suo "orgoglioso lavoro di una vita" a Bayer, Leverkusen, per motivi di età. Ma solo pochi anni dopo fu annunciata la fine dell'operazione mineraria. A causa del costante aumento dei costi e delle importazioni più economiche, la società Bayer è stata costretta a interrompere l'attività mineraria. Ciò ha bloccato l'attività mineraria tradizionale nella Wiesental superiore.

Alla presenza del Conte di Friburgo, del giudice della montagna Todtnau Johannes Wirri e con la partecipazione dei minatori più rispettati di tutti i distretti circostanti, Schauinsland l'alpeggio Disselmuter. Questa opinione legale è uno dei più antichi regolamenti di montagna scritti in tedesco.