Logo Portale della Foresta Nera
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.

Museo del rafting con un nuovo volto

98 Aggiungi ai preferiti Rimuovi dai preferiti

contenuti:

Adatto per carrozzine: ja

Venerdì 1 giugno, la nuova mostra speciale "Wolfach in Transition" non aprirà solo nel Museo Wolfach. L'associazione Kultur im Schloss ha anche completamente ridisegnato e ricostruito il reparto di rafting del museo.

 

La riprogettazione della mostra, che esisteva da quasi 20 anni, è stata necessaria per adattare il concept alle esigenze odierne. "Nell'era di Internet abbiamo solo abitudini completamente diverse", afferma il presidente dell'associazione, Christian Oberfell. Argomenti complessi come la storia del rafting devono essere presentati in modo molto compatto oggi. Ci è voluto molto tempo per pensare a come affrontare l'argomento. Dopotutto, c'era un grande rispetto per la mostra esistente e molto ben fondata. Ma vuoi ottenere un museo "da un'unica fonte", così il presidente. La riprogettazione è diventata tanto più urgente perché il museo fa parte del nuovo percorso di rafting, che aprirà a metà giugno.

 

In futuro, i visitatori potranno quindi visitare una sala delle travi, dove le travi si incontrano dopo una dura giornata di lavoro per bere un bicchiere o due di mosto. Un'attività che i partecipanti a uno dei tour avventurosi in programma sul tema del rafting possono quindi immediatamente comprendere. Un grande tavolo è disponibile per i gruppi nel museo, che offre spazio per attività di ogni genere. Per essere più flessibili, gli organizzatori della mostra hanno rimosso una grande zattera dal museo con l'aiuto dei zattere Wolfacher Kinzig. Ora sarà allestito nel cortile del castello. I testi sono stati ridotti al minimo per porre al centro della mostra i preziosi reperti originali. Oltre alle immagini di Hasemann, Eyth, Sax e Trautwein, questo include un modello di zattera unico che è stato costruito da un vero zattera alla fine del XIX secolo. La prosperità ottenuta da alcune famiglie borghesi di Wolfach attraverso il commercio del legname si riflette nelle squisite porcellane di Delft e negli oggetti in avorio. Ma l'ultimo pezzo d'oro che è stato lasciato agli skipper di Wolfach dopo la fine dell'industria del rafting può essere visto nel museo. Questi reperti sono combinati con gli strumenti degli agricoltori forestali e dei raftmen che lavoravano per i commercianti di legname di Wolfach.

 

L'associazione Kultur im Schloss è particolarmente orgogliosa che la riprogettazione completa della mostra possa essere realizzata interamente con le proprie risorse e senza sovvenzioni pubbliche. Un museo vivente è possibile anche in tempi di casse vuote.

 

Dopo il vernissage del 1 giugno, la Flößerstube ridisegnata può essere sempre vista sabato e domenica dalle 14:17 alle 2:XNUMX. L'ingresso, valido anche per la mostra “Wolfach im Wandel”, costa XNUMX euro.