Logo Portale della Foresta Nera
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
Guarda Geschwend

L'economia nella Foresta Nera

93 Aggiungi ai preferiti Rimuovi dai preferiti

contenuti:


Bergbau

Soprattutto nella Foresta Nera centrale e nella Foresta Nera meridionale (ad esempio nel Valle di Munster) è dimostrato che già in epoca romana si svolgeva un'estrazione mineraria intensiva (estrazione di minerali d'argento e di piombo). L'Alta Foresta Nera rimase praticamente disabitata fino all'inizio dell'Alto Medioevo. Nel corso della colonizzazione interna del tardo alto medioevo l'altopiano fu coltivato anche a partire dai monasteri ivi fondati (St. Peter, St. Märgen). Nel tardo alto medioevo (a partire dal 1100 circa) anche l'attività mineraria conobbe una nuova ripresa, soprattutto a Schauinsland, Feldberg e nella Münstertal. Si presume che fino alla fine del Medioevo nella Val Münstertal vivessero e lavorassero circa 800-1000 minatori. Dopo la peste che colpì la Val Münster nel 1516, la guerra dei contadini tedeschi (1524–26) e la guerra dei trent'anni, l'attività mineraria nella regione si ridusse a pochi pozzi.

Anche la valle Kinzig e le sue valli laterali erano un'importante area mineraria. Il piccolo insediamento minerario di Wittichen vicino a Schenkenzell nell'alta valle del Kinzig aveva numerosi pozzi in cui veniva estratta una varietà di barite, cobalto e argento. Un sentiero geologico conduce ancora oggi come un percorso ad anello tra vecchie fosse e cumuli di detriti. Mostra le miniere sono state istituite in Oberwolfach e ad Haslach-Schnellingen.

Una nuova ripresa iniziò all'inizio del XVIII secolo dopo la perdita dell'Alsazia in Francia. Durò fino al XIX secolo. Molti pozzi di questo periodo possono ora essere visitati come miniere di spettacolo, come B. la fossa Teufelsgrund (Münstertal), il tunnel della speranza Muschio morto e la miniera nello Schauinsland.

 

Forstwirtschaft

Nel corso del Kinzig, Murg (Foresta Nera settentrionale) e del Reno, il legno della Foresta Nera è stato esportato per diversi secoli tramite il rafting per essere utilizzato nella costruzione navale, come legname da costruzione e altro. L'ultimo boom di questo ramo commerciale, praticato sin dall'Alto Medioevo, è avvenuto negli ultimi due secoli del millennio passato. Poiché gli abeti lunghi e dritti erano per lo più trasportati in Olanda per la costruzione navale, erano anche chiamati semplicemente "olandesi". Ancora oggi i rimboschimenti con monocolture di abete rosso testimoniano la distruzione del bosco misto naturale. A causa dell'espansione della rete ferroviaria e stradale, il rafting terminò in gran parte nel XIX secolo.

Nel frattempo, l'importanza delle scorte di legna nella Foresta Nera è nuovamente aumentata a causa della crescente vendita di riscaldamento a pellet.

 

Produzione di vetro

Le foreste nere erano anche molto esperte nella produzione di vetro. Alcune fabbriche di soffiatura del vetro lo testimoniano ancora oggi. Bidone Hell ValleyDove Todtnau e in Wolfach può essere visitato.

 

Meccanica di precisione, produzione di orologi e gioielli

Nelle inaccessibili valli della Foresta Nera, l'industrializzazione iniziò tardi. Molti agricoltori hanno fornito in inverno cuculo fatto di legno. Ciò portò allo sviluppo dell'industria della meccanica di precisione e dell'orologeria nel XIX secolo, che fiorì con lo sviluppo di molte valli della Foresta Nera da parte della ferrovia. Lo svantaggio iniziale della posizione, che ha portato allo sviluppo della lavorazione meccanica del legno fine, è diventato un vantaggio competitivo con l'accesso alla materia prima metallo. Come parte del finanziamento strutturale, il governo dello stato del Baden ha fondato anche in Furtwangen la prima scuola di orologeria tedesca a garantire ai piccoli artigiani una buona formazione e aumentare così le opportunità di vendita. A causa della crescente domanda di dispositivi meccanici, sono emerse grandi aziende come Junghans e Kienzle. Nel 20 ° secolo la produzione di elettronica di intrattenimento sviluppata da aziende come SABA, Dual (giradischi) e Becker. Negli anni '1970 l'industria è diminuita a causa della concorrenza dall'Estremo Oriente. Ancora oggi, la Foresta Nera è un centro dell'industria della lavorazione dei metalli e sede di molte aziende high-tech.

A Pforzheim ci sono state numerose aziende produttrici di gioielli che lavorano metalli preziosi e pietre preziose dall'inizio dell'industrializzazione. La scuola orafa che si trova lì si trova anche a Pforzheim.